Biography

Alessio nasce a Palermo il 16 Marzo del 1983, un Mercoledì, intorno alle ore 12. Ma non se lo ricorda. E' del segno dei Pesci, con ascendente Cancro. E sebbene non creda tanto all'oroscopo e all'astrologia, crede che in qualche modo il mese di nascita possa almeno in parte influenzare la personalità di una persona. Dopo meno di 10 anni cambia casa trasferendosi da una via vicino Piazza Indipendenza, nel centro di Palermo, al quartiere di San Lorenzo, dal lato opposto della città e in periferia. Inizia con un anno di anticipo le scuole elementari, frequenta il liceo scientifico e riesce a diplomarsi nel 2001 a soli 19 anni con una votazione di 73/100 (ma con un punto in meno che in teoria ancora dovrebbe farsi assegnare).

Tutti gli anni guadagnati durante il liceo, riuscendo a non bocciare mai, li perde durante la carriera universitaria. Riesce comunque a laurearsi in Ingegneria Informatica nel 2012 con una tesi dal titolo "Gestione Progetti e Time Report per una Società della Grande Distribuzione Organizzata". E' negli anni del liceo che prende prima il nome d'arte "Zefiro", scelto da lui stesso in onore del famoso dio del vento che portava la primavera, e poi "Ale206" assegnatogli dal gruppo di amici che frequentava in quel periodo per via della macchina della madre (una Peugeot 206) con la quale andava in giro. Quest'ultimo nome è quello con il quale usava firmare le sue fotografie (passione che risale fin dai tempi in cui era bambino) e con il quale è ancora riconosciuto da molti. Da un gruppo ristretto di persone è anche conosciuto come "Pizzino", ma per una storia ironica che preferisce non raccontare.

Frequenta un corso di Webmaster presso l'istituto ITI Vittorio Emanuele III di Palermo, con cui svolge un'attività di tirocinio presso la Neomedia ISP e uno di Sistemista presso la Clinica La Maddalena di Palermo. Studia per parecchi anni l'inglese e a partire dai 20 anni comincia a viaggiare, visitando parecchie capitali europee. Una passione, quella dei viaggi, che porta tutt'ora fin dai viaggi in macchina insieme alla sua famiglia. Nel 2006 vive a Valencia, in Spagna, per 11 mesi grazie al progetto Erasmus. Lì vive una delle esperienze più belle della sua vita e lo segnerà per tutti gli anni futuri. Tornato a Palermo nell'agosto del 2007, vive un anno nella sua città, ma con uno spirito ormai "frenato" dopo l'esperienza spagnola. Nell'agosto del 2008 trova lavoro (o come afferma lui stesso "un lavoro trova lui") presso un'azienda informatica di Milano, dove in fretta e furia si trasferisce e attualmente vive. Dal 2008 al 2012 lavora come consulente informatico presso la sede centrale di Auchan Italia dove gestisce e amministra il portale intranet aziendale realizzato in linguaggio ASP e supportato da database MySql. Da fine Novembre 2012 inizia a lavorare per Kiwari come sviluppatore .Net C# e, nel poco tempo libero che gli rimane, prosegue il suo progetto di MyCookin avviato nell'Aprile 2012 insieme al suo ex collega Saverio Cammarata. A maggio del 2013, decide di darsi gli ultimi 6 mesi di tempo in Italia, sperando che la sua vita possa prendere una svolta in ambito lavorativo o sentimentale. Ed in quei 6 mesi non succede assolutamente niente. Quindi il 5 Novembre (Remember, remember, the fifth of November) prende un aereo di sola andata per Londra, dove decide di reiniziare una nuova vita alla ricerca di investitori per MyCookin. Prima di iniziare la sua avventura a Londra, però, trascorre due bellissime e intense settimane in giro per la Colombia. MyCookin comincia ad essere conosciuto grazie alle interviste rilasciate per TgCom, Radio Capital, Radio Deejay e Vero. La giornata trascorre tra meeting, piccoli lavori da freelance, marketing, pitches e presentazioni in pubblico. A Marzo però i soldi finiscono, MyCookin, purtroppo, viene messo da parte e inizia a lavorare per Orwell Group, un'azienda finanziaria nella City, dove lavora a quella che sara' la prima vera banca europea, Ipagoo. Ad Adazzle inizia la sua prima vera grande esperienza come Tech Lead, ma la mancanza dell'estate e le enormi distanze Londinesi cominciano a pesare. A distanza di un anno ha l'occasione di tornare in Spagna, a Barcellona, per lavorare per Kigo, un'azienda del gruppo RealPage nel settore Vacation Rental. Settore che più si addice alla sua personalità. Inizia quindi a sviluppare da zero l'architettura di un nuovo Channel Manager e vive felice e contento grazie ad un'azienda in crescita, croissants al cioccolato e quasi nove mesi d'estate.

Breve Carriera Fotografica

Il 20 Novembre 2009, espone le sue prime foto al Centro Italiano Attori di Milano partecipando ad una serata organizzata dalla Darko Production sul tema "La Notte" affiancando le sue stampe a musica dal vivo, video proiezioni e spettacoli di danza contemporanea. Tra Giugno e Luglio 2010 organizza la sua seconda mostra fotografica intitolata MAROCCO - PARTICOLARI, prima ad attraversare tre grandi città italiane da nord a sud: Milano, Roma e Palermo. Alle 15 foto scattate durante il viaggio nello stato marocchino vissuto quasi interamente in macchina, all'avventura, affianca i racconti di Alessandro Barbaglia, i dipinti di Rosylia Loiudice, aperitivi marocchini e spettacoli di Danza del Ventre in collaborazione con Laura Kaimi, Zara Danza Orientale di Roma e Farida Bissinger, una delle danzatrici più conosciute in Svezia. Le foto esposte prima a Milano e poi al DodiciPose di Roma rimangono in mostra permanente ai Chiavettieri di Palermo fino a dicembre. A Dicembre 2010 parte da Roma la sua terza esposizione fotografica in collaborazione con Saverio Cammarata intitolata 7PC - I SETTE PECCATI CAPITALI ed esposta all'Antica Biblioteca Valle grazie all'organizazzione di Luigi Damiani. Anche questa, con 7 foto in still life e 7 ritratti, sarà una mostra itinerante e verrà esposta anche a Milano e a Palermo. Sempre a Dicembre 2010 lavora per l'agenzia SogniEventi di Milano ed è fotografo ufficiale all'evento " Fai Goal al tuo Campione - Alessia Ventura presenta Dida" organizzato dal Comune di Milano e realizzato in collaborazione con il CAF Onlus, Centro di Aiuto al Bambino maltrattato e alla Famiglia in crisi.

Alla continua ricerca della particolarità e dell'originalità, ecco Alessio in sintesi.

Top